Crea sito
 

A piedi sulle orme di Goethe, il Grand tour di Vienna Cammarota

Vienna Cammarota, guida ambientale escursionistica, arriverà il 28 aprile a Palermo, dopo essersi imbarcata da Napoli (il traghetto è l’unico mezzo che fa eccezione al percorso a piedi). Partita il 28 agosto scorso da Karlovy Vary, la cittadina termale alle porte di Praga da dove il 3 settembre 1786 si era avviato Goethe, la guida ha superato le Alpi, attraversato le regioni italiane dove lo scrittore aveva fatto tappa, è stata accolta a Roma alla casa di Goethe.

È la prima donna al mondo che all’età di 68 anni sta ripercorrendo a piedi il viaggio che lo scrittore tedesco Wolfgang Goethe ha fatto in Italia nel 1786, alla scoperta di quella “Sicilia chiave di tutto” che lo aveva affascinato. Vienna Cammarota, guida ambientale escursionistica, arriverà il 28 aprile a Palermo, dopo essersi imbarcata da Napoli (il traghetto è l’unico mezzo che fa eccezione al percorso a piedi).

Partita il 28 agosto scorso da Karlovy Vary, la cittadina termale alle porte di Praga da dove il 3 settembre 1786 si era avviato Goethe, la guida ha superato le Alpi, attraversato le regioni italiane dove lo scrittore aveva fatto tappa, è stata accolta a Roma alla casa di Goethe.

“Il 28 aprile arriverò a Palermo, capitale italiana della cultura 2018 – spiega – poi proseguirò verso Monreale, Alcamo e a 50 anni dal terremoto che nella Valle del Belice fece 300 morti entrerò a piedi nei paesini colpiti dal sisma”. Poi sarà la volta di di Agrigento e Selinunte, l’Etna e Messina “Dove mi imbarcherò per fare ritorno a Napoli ai primi di giugno. Tutto a piedi per incontrare i siciliani e valorizzare la regione più grande d’Italia”. Un lungo percorso culturale 230 anni dopo il viaggio di Goethe. Vienna Cammarota ha già attraversato a piedi il Madagascar, la Patagonia, l’Amazzonia, Israele, il Tibet e la Palestina. (Ansa)

nino amadore

Next Post

Case a un euro a Sambuca, Borgo dei borghi

Mer Apr 11 , 2018
Case in vendita a 1 euro per incentivare il turismo, recuperare il patrimonio urbanistico e architettonico e contrastare lo spopolamento dei centri storici: è l'iniziativa lanciata dall'amministrazione comunale di Sambuca di Sicilia (Agrigento), che nel 2016 ha vinto il titolo di borgo più bello d'Italia.
Sambuca di Sicilia